SIRIS, un romanzo di Martino Iannibelli

"vinti e vincitori, come Enea e Epeo, navigano nel Mediterraneo alla ricerca di una nuova patria" scrive nel suo romanzo Martino Iannibelli,  giovane archeologo classico e guida turistica. Laureato e specializzato tra Napoli e Bari, fin da bambino ha coltivato l’amore per la storia, l’archeologia e la poesia epica.

"Lagaria doveva contenere secondo stime approssimative, tra le tremila e quattromila persone. Una città del genere doveva avere un suo centro di comando, probabilmente capeggiato dal famoso Portatore d'Acqua (EPEO ndr)" scrive ancora l'autore  che collabora come archeologo nell’ambito di progetti che interessano il Museo archeologico nazionale della Siritide e il Museo archeologico nazionale di Metaponto. Sempre attivo in ambito accademico con lo studio, la ricerca e la partecipazione a convegni e alla redazione di articoli scientifici.

siris1jpg

Siris è un romanzo sulle origini mitico-epiche della colonia fondata sulla costa ionica. Nell’opera di Iannibelli, avvenimenti di ieri e di oggi tessono un lungo omaggio alla Basilicata e alla poesia epica di Omero e Virgilio. Nel 1180 a.C. circa, Troia è caduta. Uno sparuto gruppo di esuli, dopo una lunga traversata nel Mediterraneo, arriva sulla sponda settentrionale del fiume Siris. Qui, proverà a dar vita a una nuova esistenza. Nel 2021 d.C. un’équipe di studenti di archeologia sta effettuando uno scavo stratigrafico sulla collina del Castello di Policoro, nel parco archeologico di Siris-Herakleia. In un lungo alternarsi di vicende tra un polveroso presente, fatto di ricerca e studi, e l’oscuro passato degli esuli troiani, alle prese con nuove conoscenze e atavici nemici, “Siris” è la storia delle origini mitico-epiche della colonia fondata sulle coste della Lucania ionica.

“Siris” racconta di amicizie sancite e di speranze, di missioni militari e di battaglie, di episodi di vita vissuta, di guide realizzate dallo scrittore all’interno del Museo Archeologico Nazionale della Siritide e di passione per l’archeologia.

RUDY MARRANCHELLI